Il teorema dei pm baresi per incastrare Vendola

Le vicende giudiziarie baresi di Vendola non andrebbero sottovalutate. Vediamo, intanto, il merito.
I pubblici ministeri che si occupano di un “filone” (minore) delle torbide vicende della sanità pugliese, hanno chiesto una condanna “esemplare” di circa 20 mesi per il governatore, imputandolo di concorso in abuso d’ufficio.

Sostanzialmente, secondo l’accusa, Vendola avrebbe convinto Lea Cosentino, al tempo responsabile dell’Asl Bari 1, di riaprire i termini scaduti del concorso di primario di chirurgia toracica al San Paolo di Bari, per consentire la partecipazione di un illustre clinico.

Pensate che in generale negli ultimi anni, in Italia, sono stati riaperti circa 120 mila concorsi nel settore della Sanità (per motivi più vari) e francamente appare difficilmente censurabile l’interessamento di un presidente di Giunta regionale che interviene su un direttore sanitario (per legge, di nomina politica), unicamente ispirato dal legittimo desiderio che la sanità pugliese fosse affidata a talenti di assoluta eccellenza.

Allora, evidentemente, altre sono le ragioni di una tale richiesta del Pm.
In qualche modo, in alcuni settori della Procura barese (non esente da passioni politiche), si è andato consolidando il sospetto che tutta la vicenda della sanità pugliese (considerati i suoi numerosi filoni investigativi) non può essere ricondotta solo alle attività delittuose dell’ex assessore Tedesco e di Lea Cosentino. Temo che, al di là del merito, si voglia sancire un presunto principio di verità storica. Così sintetizzabile: “se sembra oramai accertato che nella sanità pugliese si era costituito un cerchio magico nel quale venivano assunte le decisioni più delicate (e non sempre in maniera trasparente) su tutto il settore, allora non speri Vendola di uscire da questo verminaio, senza pagare alcun prezzo”.

Tra pochi giorni sapremo se questo teorema è diventato prevalente nei Palazzi di giustizia baresi. Una cosa è certa, da questa sentenza sarà condizionato sia il quadro politico regionale sia il futuro di quello nazionale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *