Le prime pagine dei quotidiani pugliesi

Prime pagine molto diversificate questa mattina, per quanto le principali questioni che in questo periodo stanno caratterizzando l’agenda setting pugliese sono ancora tutte in piedi. A cominciare dal filobus di Lecce. Al momento non sembrerebbero esserci ulteriori sviluppi, anche se, stando a Quotidiano, gli inquirenti sarebbero in possesso delle prove del giro di denaro illecito messo in moto dal professor Franceschini in favore di quelli che per ora sono solo dei nomi in codice: “boiachimolla”, “pomodorone”, “omone”, “gambadilegno”. Stamane il Quotidiano è l’unico giornale a riportare questa notizia.
La Gazzetta di Lecce, infatti, punta sulla politica cittadina per aprire il giornale. In particolare, si concentra sulle vicissitudini dell’Udc, sempre più spaccato al suo interno, sempre più in mezzo al guado circa le alleanze in vista delle prossime Amministrative leccesi. E mentre Paese Nuovo dà spazio alla protesta dei professori d’orchestra della Ico Tito Schipa di Lecce, i quali stamane si esibiranno in concerto muto in difesa del posto di lavoro, a livello regionale il Corriere del Mezzogiorno torna a occuparsi di sanità.
“Ospedali, tutto esaurito in corsia”, titola in apertura, raccontando gli effetti dei tagli operati dal piano di riordino previsto dalla Regione: i posti in meno sono 1400 per un totale di 23 strutture chiuse. Sullo sfondo Michele Emiliano, il sindaco di Bari che studia da governatore.
Su tutt’altro terreno Repubblica di Bari e Gazzetta del Mezzogiorno. Il primo si concede a un classicone del giornalismo natalizio: “Crisi di Natale, meno carne più uova”, titola il quotidiano del gruppo l’Espresso, strizzando l’occhio al popolar kitch; il secondo invece, dopo un paio di giorni di libera uscita, rientra nei ranghi con un titolo in pieno stile Gazzetta del Mezzogiorno: “Art.18, Bersani avvisa Monti”.

In collaborazione con sandei communication mediamonitor

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *