Abusi edilizi cristologici

Devono essere manie di protagonismo particolarmente importanti quelle che hanno mosso un abitante delle campagne intorno a Morciano di Leuca. Addirittura di matrice cristologica. Settantenne, aveva chiesto e ottenuto l’autorizzazione a costruire una stalla su un suo terreno. Nella stessa stalla, però aveva finito per abitarci, proprio come Gesù Cristo nei primi giorni della sua vita su questa terra. Solo, quella del morcianese era una stalla di 749 metri quadri, dotata di qualche comodità in più di quella che San Giuseppe potè offrire alla sua famiglia nei pressi di Betlemme. Alla stalla extralusso sono stati apposti i sigilli delle Fiamme Gialle.

***

I quarantanni di uno dei nostri gastronauti di punta sono stati festeggiati al Circolo Cittadino di Lecce. Il motivo? Perché per 200 persone, ma soprattutto per il faraonico rinfresco che Davide De Matteis aveva preparato per loro, nel suo locale di piazza Mazzini non c’era spazio. Piazza Mazzini, già piazza 300mila. La quale, forse, finirà prima o poi per chiamarsi di nuovo così, ma in omaggio al bar ristorante che Davide ci ha aperto 4 anni fa. Il Circolo dei leccesi, per l’occasione, era stato rivisitato anche nell’arredamento: meno boiserie e specchie e più teli bianchi e atmosfere esotiche. Come le ballerine cubane che non hanno smesso praticamente mai di danzare.

***

La Farmacia Chiga, fra le tante belle farmacie del Salento, forse si merita la palma di quella più tecnologicamente avanzata. Non sarà antica come quella del corso di Gallipoli vecchia, che espone i suoi vasi in maiolica. Ma il doppio scivolo “tortile” come una colonnina da cui discendono i farmaci della Chiga – quando non sono subito disponibili dietro il bancone – è uno spettacolo moderno tutto da scoprire. Chissà quale Oompa Loompa gli invia dall’alto. Anche la forma futuristica del bancone, dietro al quale regnano operosi i farmacisti, rende più accattivante l’attesa che il vostro numero sia chiamato da una dolcissima voce femminile computerizzata.

***

Si è sfiorata la tragedia a Fragagnano, nella mattina di ieri.
Due elicotteristi della Guardia di Finanza di Grottaglie sono stati costretti a un rischioso ammaraggio d’emergenza nel bacino artificiale di Pappadà, al confine con la provincia di Lecce. Una volta resisi conto di un problema grave al motore, e di essere dotati di elicottero galleggiante, i piloti sono riusciti a portarsi sul sito del bacino e, successivamente, a benedire più volte la Madonna e, nella fattispecie, quella della Santissima Annunziata, che dà il nome a un ospedale di Taranto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *