Una settimana da 20cent. Le sette notizie più lette

Le “sette cose più lette” danno un’idea della settimana che è stata o di quella sarebbe potuta essere. Se leggere è un atto di conoscenza, rileggere può servire a costruirsi un’opinione.

 

 

 

 

 

 

  1. Tumori, quel triangolo rosso tra Galatina e Muro Leccese
    Dicono che sia colpa del tabagismo. Intanto i fumi di Cerano e del Petrolchimico abbracciano Lecce. E le aziende di importanti politici vengono fermate per eccesso nell’emissione di diossina. Succede proprio al centro del Salento.
  2.  

  3. La terapia di gruppo del Partito democratico
    Il fallito assalto alla segreteria provinciale dei revanscisti “frisulliani”. E altre cose di questo genere…
  4.  

  5. Palazzo Carafa, il sindaco chiude le porte ai giornalisti
    Vogliamo i giornalisti dietro la porta e l’accesso libero della stampa alla casa comunale. Vogliamo giornalisti diversi tra loro, che esprimano personalità e non replicanti confinati in un recinto.
  6.  

  7. La personalità del giornalista e le porte chiuse di Perrone
    Il sindaco ha chiuso la porta di Plazzo Carafa ai cronisti. E c’è anche chi è contento.
  8.  

  9. Meglio un giorno da reporter che 1000 da scrivani
    Accesso regolamentato e non più porte sbarrate ai giornalisti. Ma la vicenda ha scoperto qualche pericoloso tic di una parte della stampa locale.
  10.  

  11. Dove la mafia cede il passo all’agricoltura, viaggio nelle terre di Libera Puglia
    Il racconto di un viaggio in una Puglia davvero migliore.
    Victor Botta è andato a Mesagne e San Pietro Vernotico, tra i ragazzi di Libera che coltivano i terreni confiscati alla Sacra Corona Unita.
  12.  

  13. Lo scandalo silenzioso dei braccianti di Nardò
    Ci sono centinaia di uomini che dormono nei campi e in casolari abbandonati. Ci sono istituzioni che non sanno come accoglierli. Ci sono stati arresti e l’aria è pesante. Un dramma sociale che il Salento non riesce a superare.
  14.  

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *