Calcioscommesse, il mister X leccese ha un nome

Alla fine Masiello un nome l’ha fatto. Dopo aver visto una serie di fotografie di possibili “mister X” che i magistrati gli hanno sottoposto al fine di inviduare l’uomo che avrebbe consegnato al difensore del Bari 230mila euro all’Hotel Tiziano di Lecce, l’autore dell’autogol sospetto che consegnò al Lecce la vittoria del derby fuori casa e la salvezza su un piatto d’argento ha indicato il suo uomo. Si tratterebbe dell’imprenditore leccese Carlo Quarta, che a queste amministrative è candidato a sostegno di Paolo Perrone nella lista “Grande Lecce”, costruita dal consigliere regionale Roberto Marti.I magistrati baresi che indagano sulla presunta combine ritengono Quarta una figura vicina alla dirigenza del Lecce. Si tratta, è bene precisare, di indiscrezioni.

Masiello avrebbe raccontato agli inquirenti di quel pagamento come compenso per truccare il risultato della partita. L’interrogatorio del difensore del Bari, che nel frattempo ha ottenuto gli arresti domiciliari, proseguirà nelle prossime ore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *