La Notte Bianca trasforma il Comune in Palazzo Caracas

Una conferenza stampa esplosiva, questa mattina a Palazzo Carafa, nell’occasione rinominata Palazzo Caracas. Per presentare alla stampa il programma della Notte Bianca del 2 luglio (attenzione al volume della musica che parte in automatico al click, se siete in ufficio), la sala consiliare dell’ex convento delle Paolotte più amato dai leccesi si è trasformata in un vivacissimo backstage dell’evento da comunicare. Sugli scranni normalmente occupati dagli assessori, sedevano saldamente ballerini, dj radiofonici, conduttrici televisive e il consigliere comunale Andrea Guido, come sempre bello come il sole e per di più senza giacca. Cosa che contribuiva ancora di più a mettere in evidenza la sua muscolatura perfetta, che non ha niente da invidiare a quella del più performante dei tangueri di Salentango (nel corso della lunga notte di sabato prossimo, cureranno uno stage di danza a Palazzo Turrisi). Ma il buon senso deve prevalere sempre sulla massa muscolare. Così, in un momento particolarmente vivace di Guido (animata conversazione) il sindaco Perrone, con la sola imposizione di una mano sulla spalla, lo ha immediatamente fatto rientrare nei ranghi.

***

In assenza delle star dell’eleganza femminile di Palazzo Carafa, è spettato a Stefania Mandurino dell’Apt e a Francesca Angelozzi di SalentoWebTv il compito di rendere il lato estetico della conferenza stampa sulla Notte Bianca anche qualcos’altro, rispetto a una mera esposizione di fisici e menti. La Mandurino aveva optato per una relaxed elegance sobria e sui toni del panna. Il suo intervento ha messo l’accento sugli aspetti del vivere leccese che solo eventi come questo, proiettati verso l’esterno, possono assicurare. Francesca Angelozzi era invece più accesa: in top fucsia sotto una giacchetta blu e, con la stessa decisione con cui era abbigliata, ha scherzosamente chiesto al Sindaco: “Ci darà il Palazzo del Sedile per le interviste?”. “Ci sto pensando”, è stata la risposta, altrettanto pronta, del primo cittadino, più leccese dei leccesi.

***

Una caratteristica particolare e innovativa di questa conferenza stampa è stato il fatto che è praticamente condotta in stile radiofonico da Mauro Arnesano (organizzatore in capo della Notte Bianca) da Alan Palmieri, noto dj e direttore artistico di RadioNorba. Il dibattito non era mai stato così acceso e brillante nell’aula consiliare di Palazzo Carafa. “Io voto per la Notte Bianca, perché qui sotto c’è scritto votazione” ha esordito Palmieri, suscitando in parte reali risate, in parte tendendo l’orecchio, per abitudine, ai consueti effetti speciali ridanciani radiofonici. Mauro Arnesano ha passato la parola a Perrone, a Gianni Garrisi, a Luigi Coclite e ai vari “ospiti da studio” con la grazia e la dizione con cui, di solito, ci si rivolge agli opinionisti in una di quelle trasmissioni radio in cui una webcam indiscreta riprende tutto in diretta, per la gioia degli ascoltatori più curiosi.

foto | Alexander Kesselaar

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

One thought on “La Notte Bianca trasforma il Comune in Palazzo Caracas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *