La suora di Faccetta Nera ottiene il trasferimento

suor augusta keller marcelline lecce a bolzanoSuor Augusta Keller sarà trasferita nella casa delle Marcelline di Bolzano. Keller, la religiosa preside dell’Istituto Marcelline di Lecce, che nei giorni scorsi così saldamente si è saputa imporre sul dibattito culturale leccese, in Alto Adige ricoprirà il ruolo di Madre Superiora.
Dapprima versata nell’insegnamento delle lingue, da quasi due decenni Keller era impegnata nella direzione didattica delle due scuole superiori (Liceo Classico e Linguistico) che hanno sede in viale Otranto.Suor Augusta lascerà un vuoto difficilmente colmabile nella scuola a cui ha legato la parte più importante della sua vita.

Questo, non solo per la centralità della sua figura all’interno dell’istituto o per l’ordine e la disciplina che il suo nome rievoca in tutti gli ex allievi. Come ci ha detto un giovane professionista, studente alle Marcelline dall’asilo alla maturità classica, che la ricorda così:

Il mio rapporto con suor Augusta è stato positivo. Forse perchè ero un ragazzo rispettoso e disciplinato. Fatto sta che ci teneva veramente tantissimo alla puntualità. Se arrivavi in ritardo, erano dolori, anche solo con uno sguardo. Suor Augusta avrà anche un atteggiamento un po’ severo o poco conciliativo, ma è un’educatrice e un punto di riferimento.

Suor Augusta sarà difficilmente sostituibile anche e soprattutto per il ruolo di fondamentale punto di riferimento che Keller aveva assunto anche nei rapporti col mondo esterno e non ultimi i media. La storia che abbiamo cominciato a raccontarvi quasi un mese fa, con il primo articolo dedicato alla storia di Faccetta Nera e il saggio di fine anno, trova così il suo epilogo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

3 thoughts on “La suora di Faccetta Nera ottiene il trasferimento

  1. chiunque avesse autonomia celebrale e mancasse dei soliti cognomi legati ad opus dei e massonerie varie non poteva far altro che rispondere al suo bigottismo neonazista con prese di coscienza chiaramente controproducenti dal punto di vista del profitto. io ricordo una media dell’8 e 40 e un’esame di maturità che premiò la demenza e le amicizie di famiglia. il rigore in cosa? l’unica vera insegnante, Suor Grazia Pizzarello, tormentata dalla ex Preside Keller, venne trasferita altrove. Che se la godano a Bolzano l’eccellenza neo fascista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *